30.08.2016 / Communiqués / /

Assemblea dei Delegati del PDC Grigioni: sport e turismo al centro dell’attenzione

Lo sport e il turismo hanno fatto da padrone durante l’Assemblea dei Delegati del PDC Grigioni a St. Moritz. Inoltre, sono state date le indicazioni di voto in vista delle votazioni federali del 25 settembre 2016.

L’ultima Assemblea dei Delegati del PDC Grigioni in ordine di tempo si è tenuta a St. Moritz. «Se ci troviamo a St. Moritz per l’odierna Assemblea dei Delegati è perché vogliamo sottolineare con i fatti che il mondo del PDC Grigioni non ruota solo attorno a Coira», ha esordito il Presidente di Partito Stefan Engler. «Se ora gli altri Partiti, tradendo impaccio e una certa gelosia, non vogliono riconoscere la nostra politica di attenzione rivolta alle regioni montane, in futuro ricorderemo loro le affermazioni fatte».
«Per questa giornata partitica a St. Moritz abbiamo deciso di dare risalto ai grossi eventi sportivi e al loro valore aggiunto in chiave economica», ha proseguito Stefan Engler, sottolineando come nel nostro Cantone vi siano svariati esempi positivi di come i Grigioni si possano profilare grazie allo sport. I campionati mondiali di sci alpino a St. Moritz del prossimo anno, così pure i campionati del mondo di mountainbike a Lenzerheide, ne sono un’importante testimonianza. E proprio quest’ultima dimostra quanto sia importante il posizionamento dei Grigioni nel turismo estivo. In questo senso i delegati del PDC Grigioni hanno licenziato una risoluzione per il rafforzamento dello sport: al Governo grigionese verrà chiesto di prendere in mano la situazione e di avviare le attività preliminari in vista di una rapida realizzazione di un Centro nazionale degli sport invernali a Lenzerheide.
Daniel Schaltegger, responsabile media dei campionati mondiali di sci alpino a St. Moritz il prossimo anno: «St. Moritz ha già una lunga tradizione nell’organizzazione di grossi eventi sportivi internazionali, fra cui campionati mondiali e olimpiadi. Con la prossima edizione si vuole spingere sulla promozione dell’immagine della località engadinese e della sua vocazione allo sport sostenibile».
Il granconsigliere Remo Cavegn (PDC, Bonaduz) ha esposto ai delegati presenti in sala il progetto «Olympia 2026», soffermandosi sulle opportunità che l’organizzazione di un simile evento porterebbe con se. Al rimprovero di voler forzare la mano ha risposto affermando che si tratta di un progetto molto diverso rispetto a quello portato in votazione nel 2013. Remo Cavegn ha poi ricordato come le condizioni quadro siano mutate profondamente rispetto a quelle di tre anni fa, anche alla luce dell’Agenda 2020 promossa dal Comitato Olimpico Internazionale, che persegue giochi olimpici invernali all’insegna della sostenibilità. Anche le premesse economiche sono molto diverse rispetto al 2013; ciò a causa, fra l’altro, della forza del franco svizzero e dell’iniziativa sulle seconde abitazioni.
Con riferimento allo stato dell’arte, Remo Cavegn ha poi comunicato che il concetto di massima è già stato inviato all’attenzione del Governo e che questo prevede l’utilizzo esclusivo di infrastrutture e impianti esistenti. In questo contesto ha sottolineato come sia sensato appoggiarsi a infrastrutture mancanti situate fuori Cantone.
Nella sua presentazione, il granconsigliere Romano Paterlini (PDC, Lenzerheide) ha illustrato le opportunità di un Centro nazionale degli sport invernali a Lenzerheide. Le valutazioni fatte dalla Confederazione evidenziano chiaramente la bontà di questo progetto: non solo l’attuale presenza di infrastrutture di prim’ordine, ma anche gli ottimi collegamenti stradali e il suo posizionamento baricentrico depongono a favore di Lenzerheide. Per questa località lo sport ha certamente un valore importante da un punto di vista economico, ma anche della salute. Fra gli obiettivi di un Centro nazionale per gli sport invernali figura la possibilità per bambini, giovani e genitori di accedere ad offerte sportive invernali complete, anche a favore delle famiglie con un reddito basso. A seguito della decisione del Consiglio Federale di sospendere la realizzazione del progetto, Romano Paterlini auspica che i Grigioni tengano alta la pressione affinché il tutto non cada nel dimenticatoio. I questo senso l’Assemblea dei Delegati del PDC Grigioni ha licenziato una risoluzione (vedi sotto).
Indicazioni di voto
Il Comitato del PDC Grigioni consiglia un NO per l’iniziativa popolare «Per un’economia sostenibile ed efficiente in materia di gestione delle risorse (economia verde)». Il Consigliere nazionale Martin Candinas ha illustrato come gli obiettivi dell’iniziativa non sia fondamentalmente sbagliati. Il PDC si impegna per un’economia sostenibile e per l’utilizzo efficiente delle risorse naturali. «L’iniziativa, con le sue richieste estreme, non è tuttavia realistica e applicabile». Per quanto riguarda la «Legge sulle attività informative» è stato deciso per il SI. Il Consigliere agli Stati  Stefan Engler ha sottolineato la necessità di adattare la legge alla luce delle aumentate minacce globali. L’attuale legge è superata e non più in grado di contrastare in maniera efficace la crescente minaccia del terrorismo islamico.
Fritz Nyffenegger, membro del parlamento del Comune di St. Moritz e copresidente del PDC St. Moritz, ha presentato ai delegati l’iniziativa popolare «AVSplus: per un’AVS forte». Egli ha lanciato un monito, sottolineando come l’iniziativa andrebbe completamente a carico delle generazioni future, le quali vedrebbero messe in pericolo le rispettive rendite AVS. In gioco vi è il principio di solidarietà fra generazioni. L’Assemblea dei Delegati respinge l’iniziativa in maniera netta.
Risoluzione del PDC Grigioni a favore del Centro nazionale degli sport invernali a Lenzerheide
L’Assemblea dei Delegati del PDC Grigioni chiede al nostro Governo di prendere in mano la situazione e di avviare le attività preliminari in vista di una rapida realizzazione di un Centro nazionale degli sport invernali a Lenzerheide. Al Cantone viene chiesto in particolare di valutare, in stretta collaborazione con il Comune interessato, varianti di finanziamento che coinvolgano associazioni, Confederazione e investitori privati. Ipotizzabile dovrebbe essere anche un prefinanziamento da parte del Cantone e del Comune di Lenzerheide, con il coinvolgimento futuro di Berna. Il significato di un simile Centro nazionale per gli sport invernali e per il turismo più in generale giustificano un ruolo di primo piano del Cantone. Le valutazioni da parte della Confederazione, promosse attraverso un concorso pubblico, hanno decretato la località di Lenzerheide come la più idonea a livello svizzero per un progetto simile. Esso agevolerebbe l’accesso agli sport invernali ai bambini e alla gioventù più in generale, con effetti postivi per l’intero comparto turistico invernale, non solo nei Grigioni, ma anche per l’intera Svizzera.

Kontakt