16.10.2020 / Non categorizzato / /

La frazione PDC accoglie con favore il concetto di promozione della cultura

La Frazione PDC accoglie con favore il concetto di promozione della cultura e sostiene una moderata riduzione delle tasse.

Riunitosi a Valendas in seduta preparatoria in vista della sessione di ottobre del Gran Consiglio, il gruppo parlamentare del PDC si è occupato a fondo dei temi sull‘agenda della sessione di ottobre del Gran Consiglio. Il PDC si rallegra del fatto che, dopo più di tre anni, sia finalmente pronto un concetto di promozione della cultura nel Cantone dei Grigioni. Le misure per rafforzare l‘offerta culturale, le diversità linguistiche e regionali, nonché le misure di sostegno della cultura, sono viste con favore e sostenute senza riserve. I Granconsiglieri Severin Geissler e Kevin Brunold hanno sottolineato come la cultura rappresenti, non da ultimo, anche un fattore economico rilevante per varie regioni nei Grigioni. Per questo motivo, con il sostegno anche della Granconsigliera Cornelia Märchy-Caduff, hanno fatto propria, in seno alla commissione preparatoria, la volontà di elargire contributi finanziari per la promozione della cultura. In questo senso, i membri PDC rappresentati nella commissione in parola si sono fortemente impegnati a favore di una risoluzione di principio, che preveda una somma lorda di 3 milioni di franchi all’anno da destinare al raggiungimento degli obiettivi previsti dal concetto di promozione della cultura 2021-2024. La maggioranza del gruppo parlamentare PDC è della stessa opinione e sosterrà questa proposta in Gran Consiglio.

Cambiando tema, alfine di aumentare l’attrattiva del Cantone dei Grigioni a favore dei residenti, la grande maggioranza del gruppo parlamentare del PDC è favorevole a una moderata riduzione delle imposte sulle prestazioni in conto capitale. L’onere fiscale massimo dovrebbe essere del 2,6%. La maggioranza della commissione non ha voluto arrivare ad abbassare il tasso al 2,0% come richiesto dalla maggioranza della commissione composta da UDC, PLD e PBD; ciò a fronte di un forte senso di responsabilità verso la politica finanziaria cantonale e in vista dei tempi incerti conseguenti al coronavirus. La presidente della commissione preparatoria Carmelia Maissen, durante la riunione, ha sottolineato come abbassando il tasso massimo al 2,0% non si raggiungerebbe molto di più rispetto ad oggi a favore dei cittadini; al contrario, si toglierebbero allo Stato risorse importanti in un momento molto delicato. Il mero contendere, da parte dei Grigioni, del primato oggi detenuto dai Cantoni Sciaffusa e Uri quali Cantoni con l‘aliquota più bassa inerente alle imposte sulle prestazioni in conto capitale, non può essere l’obiettivo principale da perseguire; ciò anche alla luce del fatto che i suddetti Cantoni hanno condizioni quadro molto diverse rispetto a quelle grigionesi.

Per quanto concerne, infine, la tematica relativa alla pandemia COVID, il gruppo parlamentare del PDC ha presentato, durante la sessione di giugno di quest’anno, una mozione parlamentare che mira a tirare le somme e trarre insegnamento da quanto accaduto. In essa si chiede al Governo di effettuare un’analisi completa e approfondita della situazione, nonché di valutare quali misure devono essere adottate per garantire che le regioni, i comuni, ma anche i poteri esecutivo e legislativo cantonali, continuino a funzionare anche in tempo di crisi nel pieno delle competenze assegnate loro dalla Costituzione. Il PDC è lieto di constatare che il Governo è disposto ad accettare la mozione senza riserve.

Kontakt